martedì, febbraio 19, 2008

... farfalle...



8 commenti:

Anonimo ha detto...

e comunque, non mi ringrazi mai abbastanza per le perle che ti porgo (o per le pirla che ti porco, o per le burle che ti parco, o per le merle che ti scorgo, fai tu).

Jena

mario addis ha detto...

@Jena:... in effetti mai fosti parco ne' pirla a scorgere e porger merle al parco, e da porco a porco: grazie!

Anonimo ha detto...

per lo più parlo di perle per la prole più pirla; non disdegno altresì scorger merli, porger burle, pianger tarli, minger merli.

mario addis ha detto...

@Jena: neccessa il merlo per produrre prole, ma se disdegni o per misura tendi al tarlo, porgi burle e menti tosto a chiunque, con te, possa farlo...

Anonimo ha detto...

mento ma non ti temo; intimamente tinto, tento mantenimento attinto in tanti intimi mentini minutamente tenuti.

a.g.barrows ha detto...

oddio voi siete matti...

mario addis ha detto...

@Jena:in tanti tentano, intenti a tenersi i minuti menti, e non tengono a mente ciò che hanno attinto da ciò che temono. E così tingono di tinte tonte le loro minute menti.

bf ha detto...

In un pozzo poco cupo si specchiò una volta un lupo, che nel poco cupo pozzo andò a battere di cozzo con un cupo tonfo fioco da smaltire a poco a poco e credette di azzannare un feroce suo compare; ma rimase brutto e cupo il feroce sciocco lupo.